Via dell'Industria, 63 - Monteprandone (AP) 0735 751505 info@bicoestintori.it

Estintori

La presenza di un estintore in un edificio è indispensabile, dal momento che un utilizzo tempestivo può a tutti gli effetti limitare o evitare tragedie. Un estintore, quando utilizzato correttamente, consente di contenere i danni materiali e di preservare l'incolumità delle persone. I proprietari ed utilizzatori di immobili dovrebbero essere predisposti all'acquisto di estintori ed alla manutenzione di tali presidi antincendio, dal momento che gli stessi servizi pubblici non garantiscono interventi immediati per motivi di forza maggiore, come ad esempio il traffico. Gli estintori possono essere utilizzati subito e garantire, quindi, un soccorso repentino.
Scegliere l'estintore più adatto alle proprie esigenze non è un'operazione semplice. Tale scelta, infatti, prevede la considerazione di numerosi fattori. Possiamo aiutarvi a trovare l'estintore migliore per supportare e garantire al meglio la sicurezza della vostra attività.

Gli estintori sono classificati in base alla capacità estinguente. Il CEN, ovvero Comitato Europeo di Normazione, ha stabilito una classificazione delle classi di fuoco in base:

  • Alla tipologia di combustibile;
  • Al peso dell'agente estinguente (che determina anche la durata minima di funzionamento dello stesso);
  • Alla struttura (portatili o carrellati);
  • All'agente estinguente dell'estintore (polvere, CO2, schiuma).

Estintori omologati portatili e carrellati

Bico offre una gamma completa di estintori omologati portatili e carrellati caricati ad acqua, schiuma, polvere, idocarburi alogenati e anidride carbonica abbinati a un pacchetto di servizi di manutenzione, fornendo così un servizio completo end-to-end.

Tutti sono costruiti con serbatoio in acciaio saldato a filo continuo e controllo radiografico con processo di controllo qualità ISO 9001.

L’estintore è un mezzo di semplice utilizzo ma per ottenere le migliori prestazioni occorre che l’operatore conosca le caratteristiche, la tecnica, e i limiti d’impiego derivanti dall’agente estinguente in esso contenuto.

Manutenzione e revisione Estintori

Gli estintori costituiscono l'arma antincendio più diffusa, grazie alla semplicità d'uso ed alla facile reperibilità dello stesso. Un estintore, per garantire l'incolumità e la sicurezza delle persone in un edificio, deve essere periodicamente controllato; a tale scopo, è bene conoscere quanto imposto dalla Norma UNI 9994-1:2013, che regola l'attività di manutenzione e revisione degli estintori. Tutti i dispositivi antincendio devono avere, secondo le norme estintori, un cartellino, sul quale devono essere specificati:

  • Il numero di matricola ed altri estremi riguardanti il dispositivo;
  • La ragione sociale e l'indirizzo dell'azienda di manutenzione e/o della persona competente;
  • Il tipo di estintore, la massa lorda e la carica effettiva dello stesso;
  • Il mese e l'anno in cui deve essere effettuato l'intervento di manutenzione;
  • La scadenza dei controlli vari;
  • Il codice di riferimento o il punzone identificativo di colui che si occupa del controllo estintori.

 Cosa Dice la Normativa Estintori

La manutenzione periodica degli estintori è regolata dalla legge, che stabilisce in primis cinque fasi di verifica estintori: controllo iniziale, sorveglianza, controllo periodico, revisione programmata e collaudo. La normativa sugli estintori definisce innanzitutto la necessità di specificare i seguenti ruoli:

  • La persona responsabile di predisporre tutte le misure per la sicurezza antincendio;
  • L'azienda di manutenzione che dovrà occuparsi di mettere in atto la manutenzione estintori;
  • La persona competente con la formazione e l'esperienza necessari a garantire una corretta attività di manutenzione antincendio.

La nuova edizione della norma, che prevede una terminologia più puntuale ed attuale, introduce anche altri elementi, come:

  • Nuove fasi relative alla manutenzione estintori;
  • L'obbligatorietà di indicare la data di revisione sia all'interno che all'esterno dell'apparecchio;
  • La necessità di rimpiazzare le valvole in fase di collaudo per gli estintori a polvere, in fase di revisione per gli estintori co2;
  • Il costante aggiornamento della documentazione di manutenzione.

La nuova norma estende il campo di applicazione anche ai fuochi generati da metalli combustibili identificati come estintori a polvere di classe D, che dispongono di omologazione del ministero, ma sono comunque affini alla macrocategoria degli estintori a polvere. Sono state modificate le periodicità massime della revisione per gli estintori ad acqua, aggiungendo alla verifica delle componenti anche la completa sostituzione dell'agente estinguente. Infine, è stata aggiornata la periodicità dei controlli in base alla tipologia di serbatoio, distinguendo acciaio al carbonio, acciaio inox e lega d'alluminio.

Le fasi della manutenzione periodica estintori

La manutenzione degli estintori consta delle seguenti fasi: il controllo iniziale, la sorveglianza, il controllo periodico e la revisione programmata. A queste, va aggiunto il collaudo degli estintori e la manutenzione straordinaria, pronta a far fronte a qualsiasi problematica dell'estintore. È da sottolineare, inoltre, che la norma ha introdotto di recente anche il concetto di "Estintore fuori servizio", al fine di allontanare un dispositivo ritenuto potenzialmente dannoso.

Controllo Iniziale

La prima fase è il controllo iniziale, una fase durante la quale devono essere realizzati una serie di accertamenti. Questa fase può essere eseguita anche in contemporanea con il controllo periodico; lo scopo di questa fase è quello di regolare e disciplinare la sostituzione della vecchia ditta manutentrice con quella nuova, che dunque prende in carica per la prima volta la manutenzione di un determinato estintore. Il controllo iniziale serve ad accertarsi del fatto che questi estintori non siano fuori servizio. Un estintore fuori servizio non può, infatti, essere oggetto degli interventi di manutenzione; per tale motivo, non può essere utilizzabile in alcun contesto, dal momento che potrebbe anche risultare pericoloso per chi lo utilizza. La prima fase prevede anche la verifica della correttezza delle marcature presenti e che il libretto d'uso sia disponibile; tutto ciò che ne deriva da tale fase, deve infine essere comunicata alla persona responsabile.

Sorveglianza

La sorveglianza non indica una singola fase, quanto più un costante e particolare controllo dell'estintore; la fase di sorveglianza non è regolamentata, dunque non ci sono norme che definiscono ogni quanto deve essere svolta. Tuttavia, è buona pratica ogni tanto fare qualche controllo, volto ad accertarsi che l'estintore sia presente, integro e segnalato tramite cartello. Secondo le norme, tale cartello deve essere visibile in modo immediato, deve contenere iscrizioni leggibili ed ovviamente tutte le informazioni relative alla manutenzione secondo legge. Bisogna verificare che l'estintore non sia stato manomesso, che sia immediatamente utilizzabile e che l'indicatore di pressione indichi un valore che rientra nel campo verde.

Controllo Periodico

Il controllo periodico è regolamentato dalla legge, sia per il soggetto che deve effettuarlo che per la periodicità. Questo deve essere eseguito da una persona competente, con periodicità massima di sei mesi. Entro la fine del sesto mese, è necessario controllare l'efficienza di tutti i tipi di estintori, portatili o carrellati, senza effettuare prove di funzionamento. I controlli da effettuare sono i seguenti:

  • Corretta compilazione del cartellino di manutenzione, con relativa punzonatura della data di effettuazione del controllo;
  • In caso di presenza di bombole di gas ausiliario per estintori pressurizzati in questo modo, bisogna controllare il tipo e la carica di tali bombole, al fine di sapere se rispettano, o meno, le indicazioni del produttore;
  • È necessario controllare lo stato di carica degli estintori a biossido di carbonio mediante pesatura;
  • Deve essere verificata la pressione interna degli estintori a pressione permanente, tramite uno strumento indipendente;
  • È necessario effettuare nuovamente tutte le verifiche ed i controlli previsti nella fase di sorveglianza.

Revisione Estintori

La revisione, al pari del controllo periodico, deve essere effettuata da una persona competente. Consiste in una serie di interventi di natura tecnica, le cui tempistiche sono regolate dalla norma antincendio:

  • Ogni 24 mesi per gli estintori ad acqua o a schiuma, aventi un serbatoio in acciaio al carbonio plastificato;
  • 36 mesi per gli estintori a polvere;
  • 48 mesi per gli estintori ad acqua o a schiuma, i cui serbatoi sono in acciaio inox;
  • 60 mesi per gli estintori a co2;
  • 72 mesi per gli estintori ad idrocarburi alogenati.

La revisione estintori è una pratica piuttosto importante, poiché sono previsti interventi tecnici piuttosto specifici:

  • È necessario esaminare l'interno degli estintori;
  • Controllarne tutte le parti e le componenti;
  • Sostituire i dispositivi di sicurezza, qualora fossero presenti;
  • Sostituzione dell'agente estinguente, delle guarnizioni e delle valvole erogatrici (laddove presenti).

Una volta effettuati tali controlli di revisione, l'estintore deve essere perfettamente rimontato e riportato in stato di piena efficienza. Su tutti i tipi di estintori, sia portatili che carrellati, deve essere riportata la data del controllo e l'azienda che ha effettuato la revisione. Questi dati devono essere resi visibili sia all'interno che all'esterno degli stessi. I ricambi eventualmente utilizzati non devono alterare la conformità dell'estintore, il cui prototipo ha ottenuto l'approvazione e l'omologazione da parte del Ministero dell'Interno. In caso contrario infatti, qualora la sostituzione di un elemento dovesse comportare delle modifiche, l'estintore risulterebbe automaticamente non omologato, dunque non conforme alla legge.

Collaudo

Il collaudo è una misura preventiva, volta a controllare la stabilità del serbatoio e della bombola dell'estintore, se si tratta di un apparecchio a pressione. Nel momento in cui si effettua il collaudo dell'estintore, che sia portatile o carrellato, deve essere anche sostituita la valvola erogatrice. La data deve essere riportata sia all'interno che all'esterno dell'estintore; un estintore che viene rimosso per essere oggetto di controllo, deve essere temporaneamente sostituito con un altro estintore, a patto che le prestazioni non siano inferiori. È bene ricordarsi che un estintore deve essere ricaricato anche nel momento in cui viene utilizzato anche solo in parte.

Manutenzione Straordinaria

Nel corso del tempo, è bene attuare delle operazioni di manutenzione straordinaria, in caso non fosse possibile ripristinare l'efficienza dell'estintore tramite la manutenzione ordinaria. Sono considerati straordinari tutti quegli interventi aggiuntivi rispetto alle verifiche regolari già previste dalla legge.